I due moschettieri all’ATP 250 di Umago

di Alessandro Perrone e Fabrizio Biolo

Il Croatia Open Umag, anche conosciuto come Plava Laguna Croatia Open Umag per motivi di sponsorizzazione, è un torneo di tennis giocato sulla terra rossa. Quella di quest’anno è stata la 28ª edizione dell’evento che fa parte della categoria ATP World Tour 250 series nell’ambito dell’ATP World Tour.

Il viaggio
E’ il 15 luglio 2017 , si parte per Umago!!! Arrivare ad Umago non e’ assolutamente difficile, siamo partiti la mattina presto da Padova e dopo 3 ore eravamo arrivati a destinazione.
Abbiamo preferito partire molto presto per timore della coda di camion che passa per la frontiera slovena, timore che poi si e’ rivelato infondato. Per arrivare a Umago abbiamo preso l’autostrada A4 che termina in località Lisert. Siamo a circa una cinquantina di km dal confine italo-sloveno. All’uscita del casello, abbiamo preso la direzione verso Trieste. Nel percorrere la strada verso il confine, abbiamo seguitro le indicazioni Muggia Rabuiese Capodistria (attenzione a non seguire l’indicazione Slovenia, altrimenti vi ritroverete sulla strada che porta a Lubiana, quindi col pagamento della tassa per l’accesso all’autostrada slovena, la cosiddetta Vignetta).
La vignetta si puo’ acquistare in qualsiasi distributore da Trieste in giu’, costa 15 euro e vale una settimana. Vi permette di usare le autostrade slovene che non hanno i caselli, ma ci sono tanti controlli dalla polizia locale. Se avete intenzione di fare l’autostrada slovena (e di non allungare la strada di circa 10 km facendo la dorsale marittina) vi consiglio di comprarla, rischiate altrimenti di vedervi recapitare a casa la multa che e’ molto piu’ alta del prezzo
Arrivati al confine di Rabuiese siamo entrati al territorio Sloveno senza esibire nessun documento, mentre un documento valido per l’espatrio ci è servito al momento di varcare il confine con la Croazia. Se avete il navigatore in macchina, potete scegliere la via alternativa per arrivare ad Umago che non sia quella “dritta”.
Arrivati al confine di Rabuiese bisogna mantenere la corsia destra, appena entrati si trova un distributore di benzina, bisogna entrare nel distributore e mantenere la corsia di sinistra appena passato il distributore; poi girare a destra in direzione Hrvatin-Skopie. Infine seguire le indicazioni per Capodistria – Pola – Valico di Dragonia. Questo valico segna il confine fra Slovenia e Croazia.
Passata la Slovenia, si seguono le indicazioni per Umago, e dopo una mezzoretta di macchina si vede la città. Se volete andare in Croazia, dovete tenere in mente due cose:

  • La segnaletica in Slovenia è la seguente:
      segnali di color verde è necessaria la vignetta

    • segnali di color blu è necessaria la vignetta,
    • segnali di color giallo si viaggia senza vignetta.
  • Procuratevi le Kune prima di entrare in Croazia, dato che li’ non usano l’euro, e il cambio non e’ molto favorevole. Ci sono tantissimi box durante il viaggio che si offrono di cambiare Euro contro Kune.

Alla fine il viaggio si e’ dimostrato molto piacevole tra discussioni tennistiche con Fabrizio e con panorami molto belli.

La Location
Umago e’ una citta’ a misura d’uomo, ed e’ girabile a piedi tranquillamente: Basta una mappa che si trova in qualsiasi ristorante /B & B e si trova ogni posto.
Alloggiare ad Umago e’ molto semplice, ci sono decine di strutture alberghiere, e vari camping per chi ha la tenda, ma consigliamo di prendere un appartamento in affitto, cosi’ si e’ piu’ liberi di fare quello che si vuole. Ce ne sono tanti nella città, anche vicino alla struttura che ospita la manifestazione tennistica. Noi quest’anno abbiamo alloggiato alla Bistro-pizzeria Luna che ha dei mini appartamenti in affitto, (www.pizzeria-luna.com) con colazione “abbondante” alla mattina in basso al bar. Il circolo “Umag Central ATP Stadion Stella Maris” dista 100 metri dal bistro.
Arrivati ad Umago ci siamo precipitati a vedere il circolo, ed a vedere i giocatori che si allenano.
Noi siamo arrivati per vedere le qualificazioni del torneo, con entrata gratuita, perche’ e’ la parte migliore del torneo dove si possono vedere i giocatori che si giocano la possibilità di entrare nel Main Draw del torneo, ma soprattutto perche’ c’e’ la possibilita’ di vedere i campioni che si allenano, e non essendo ancora entrati nella “trance” agonistica, c’e’ la possibilità di poter parlare con loro, farsi firmare le palline e fare qualche foto.

La Struttura

La manifestazione di svolge alla “Umag Central ATP Stadion Stella Maris”, un complesso tennistico proprio di fronte al mare.
Il circolo e’ molto bello, grandissimo, con un centrale intitolato a Goran Ivanisevic, un Grand stand, e ben 9 campi da tennis dislocati in tutto il perimetro dove poter vedere del buon tennis.
Il centrale del circolo e’ cosi’ imponente che si vede da lontano praticamente da tutta la citta’; inoltre la sera tutta la struttura e’ illuminata a giorno, ed e’ quindi visibile ed “udibile” a grandi distanze.
Il torneo e’ uno degli ATP 250 sulla terra piu’ belli del circuito, sia per la location, che per il periodo, luglio, in cui i tennisti uniscono il lavoro con l’allenamento intensivo sulla terra, e anche delle nuotate nel bel mare croato.
Per l’occasione vengono anche allestiti tanti stand gastronomici, bar e anche un posto dove la sera suonano e si balla. L’organizzazione e’ molto minuziosa e ben fatta sia dal punto della sicurezza dei giocatori, che per la sicurezza delle centinaia di persone che sono venute per vedere il torneo e le manifestazioni serali a corredo.

Il Centrale e’ forse uno dei piu’ bei centrali che ci sono nel circuito, con una ottima illuminazione e una ottiva “visività”. Sicuramente potrebbe essere un ottimo centrale di un torneo di classe superiore. IL Gran Stand e’ molto bello, e la visuale e’ ottima. Tutti i campi periferici sono dotati di posti laterali a sedere. I giocatori per andare in campo passano tranquillamente nelle strade del circolo, e sono molto disponibili verso i tifosi.
I campi di allenamento sono raggiungibili tranquillamente, anche se non hanno posti a sedere.

Durante i nostri due giorni di torneo abbiamo visto tutti i match di qualificazione con molti italiani in corsa, abbiamo conosciuto e parlato con tanti giocatori, ma soprattutto abbiamo visto gli allenamenti dei Big del torneo, da Monfils a Goffin a Simon, a Paire. E’ molto interessante, e parlo dal punto di vista di istruttore di tennis, vedere come questi si allenano, cercare di carpire i loro segreti e magari applicarli durante l’insegnamento del tennis.
Tra gli italiani abbiamo visto gli allenamenti e le partite di Cecchinato, Giannessi, Lorenzi, Trusendi, Viola, Donati, Napolitano. In pratica il torneo parlava italiano. Il torneo croato e’ molto “gettonato” dai giocatori italiani, data la vicinanza all’Italia, ai punti che regala ai partecipanti e alla location marina della città. Il vincitore del 2016 è stato il giocatore italiano Fognini, mentre nell’edizione 2017 abbiamo avuto una semifinale tutta italiana tra Giannessi e Lorenzi.



I consigli
Oltre il torneo Umago offre un porto splendido e delle spiagge dove fare il bagno in una acqua molto bella. Inoltre e’ pieno di ristorantini di pesce dove si mangia e si paga il giusto.
Consiglio di comprare negli shop l’asciugamano del torneo, le magliette, e le palline del torneo. I prezzi sono molto competitivi, e molto minori di quelli di molti altri tornei dello stesso livello.

Andare ad Umago non solo per vedere il torneo e tutte le manifestazioni che lo circondano ma anche per vedere e vivere le belle spiagge della città o delle citta adiacenti. Ci sono tante spiagge pubbliche e anche piccole insenature dove ci si puo’ fermare, fare il bagno e stare con gli amici. Per chi ha una barca, ci sono dei piccoli porticcioli molto belli che offrono servizi di ormeggio delle barche con tutti i servizi connessi.
A onor della cronaca il torneo è stato vinto dal giovane tennista Russo Rublev.
Il tennista Russo, classe 97, dopo aver sconfitto Fabio Fognini, campione uscente 2016, nei quarti di finale del torneo 250 di Umago, si prende la briga di sconfiggere in finale un altro italiano, Paolo Lorenzi, con il punteggio di 64 62 in circa una ora e un quarto di gioco.
Per il tennista russo e’ la prima affermazione in un torneo Master 250, ma soprattutto ha vinto il torneo partendo dalle qualificazioni, e come lucky looser.

La edizione numero 29 della manifestazione si terrà dal 16 al 23 luglio 2018

Un pensiero riguardo “I due moschettieri all’ATP 250 di Umago

  1. Alessandro Zijno ha detto:

    vi leggo sempre cosi volentieri!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *