Challenger & Futures, settimana 13. Travaglia vince a Marbella, in evidenza Francesco Forti in Egitto

Stefano Travaglia nel Challenger di Marbella conquista il suo secondo trofeo a livello Challenger in carriera, battendo in finale l’argentino Andreozzi, visto comunque in grande forma. Il campione ascolano così avvicina sensibilmente la top 100 che ormai dista pochissimo e che potrebbe permettergli l’ingresso nei tabelloni degli Slam, garantendo almeno un centinaio di migliaia di dollari in una stagione. Buona settimana anche per Cecchinato, stoppato in semifinale.Il più ricco appuntamento Challenger della settimana si è giocato a Guadalupe, 100mila$ +H, sul cemento di Le Gosier, dove il successo è andato al serbo Lajovic, numero 108 ATP in finale su Kudla, in un torneo che ha visto ancora il cileno Garin giocare un tennis solidissimo anche sul veloce, fuori solo in semifinale. Ci sbilanciamo su questo giocatore, Garin appunto, attualmente numero 235 ATP, ma presto secondo noi vicino alla top 100. Il suo allenatore adesso è Horacio Matta, ex giocatore cileno tra i più forti, il quale ha dichiarato che Garin ha le potenzialità per fare molto bene e sta lavorando su servizio e rovescio in particolar modo. Sua mamma Claudia Medone, di origini liguri, ci ha confermato che Christian ha il doppio passaporto, cileno e italiano e chissà che il futuro non ci riservi qualche sorpresa. Curioso il caso delle quali di Le Gosier con molti bye e un campo di partecipazione assai modesto, che si spiega con il lungo viaggio costoso da affrontare e la mancata ospitalità in caso di eliminazione. Dei nostri ci ha provato il solo Ferrari, eliminato comunque al primo turno. Nel 50mila$ +H di San Luis Potosi, su terra messicana, si è messo in evidenza Marcelo Arevalo, salvadoregno, numero 222 ATP. A St Brieuc in Francia (50mila$+H, indoor hard) degli azzurri era presente il solo Arnaboldi sfortunato a pescare nel sorteggio il cipriota Baghdatis al primo turno: il torneo se lo è aggiudicato il lituano Berankis, ex top 50 in finale sul francese Lestienne in costante ascesa. Dal mondo Futures arrivano le buone notizie sia dalla terra rossa che dal veloce: nel 25mila$ di Santa Margherita di Pula Lorenzo Giustino vince il torneo in finale sull’uruguayano Martin Cuevas. L’azzurro ha iniziato bene la stagione con 16 vittorie e 5 sconfitte, ed ora avvicina sensibilmente la top 200. Intanto sul cemento di Sharm Francesco Forti si arrende solo in semifinale contro il forte russo Gabashvili. Il romagnolo Forti si allena a Folignonel Centro Federale Permanente (a Villa Candida) con Antonio Cannavacciuolo nel ruolo di coach: il diciottenne campioncino azzurro, lo scorso anno agli ottavi a Wimbledon, possiede un gran bel servizio, un gioco moderno fatto di accelerazioni improvvise e una mobilità accettabile seppur migliorabile, con un fisico adatto, alto e slanciato. La vittoria sul russo Safiullin, considerato un predestinato da Junior, è il fiore all’occhiello del giovane romagnolo in questo torneo e rappresenta la sua più importante vittoria nel percorso da Pro. Con questo risultato è pronta la top 1000 per lui. Progressi anche per Yannik Sinner, solo 16 anni, di nuovo a punti in un Futures greco vinto dal francese Jankovits sul promettente cileno Barrios Vera, anche lui proveniente dall’ottimo vivaio sudamericano. Roncalli raggiunge i quarti di finale in Tunisia, nel torneo dominato dall’argentino Heras, che ha battuto in finale il connazionale super Hernan Casanova, di chiare origini italiane. Si ferma a 24 la striscia di vittorie dell’australiano col cappello da legionario stile Lendl, Marc Polmans, che è stato sconfitto in finale dal connazionale Purcell. Per Polmans, australiano di 20 anni, adatto a tutte le superfici, altro tennista su cui puntare, la serie di risultati positivi gli sta per valere il suo best ranking posizionato attualmente al numero 175 ATP. Nato in Sudafrica e cresciuto sui campi semiveloci australiani, Polmans ha passato la scorsa stagione ad allenarsi su terra battuta in Italia, e lo abbiamo potuto ammirare in vari tornei italici dove ha mostrato il suo valore su tutti i fondamentali e vi assicuriamo che non lascia mai nulla di intentato per vincere un quindici.
Notizia a latere: nell’Open BNL di Genova, valido per un posto nelle prequali del Foro Italico per il Master1000 romano, Edoardo Eremin ha sbaragliato la concorrenza vincendo il torneo in finale contro Trusendi e si è conquistato la possibilità di continuare il sogno romano.
Alessandro Zijno

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *