Finisce l’era dei gemelli Bryan: annunciano il loro ritiro dopo 26 anni di gare e 119 trofei vinti



I gemelli del tennis mondiale, Bob e Mike Bryan hanno annunciato la fine della loro storica partnership per il doppio pochi giorni prima degli US Open, teatro del loro debutto in campionato nel 1995.

Come la squadra più vincente nella storia del doppio, i fratelli Bryan hanno conquistato un record di 119 trofei nell’era Open in 26 stagioni di carriera, inclusi tutti e quattro i Grandi Slam, tutti i nove ATP Masters 1000, le finali Nitto ATP (quattro titoli) e la medaglia d’oro olimpica. Detengono anche i record di tutti i tempi a squadre per i titoli del Grande Slam (16 da 30 finali) e le corone ATP Masters 1000 (39 da 59 finali).

Famosi nel circuito nel modo in cui festeggiavano i punti vincenti, cioe’ con il loro “petto to petto”, sono stai la coppia piu’ forte di doppio di sempre.

“Siamo molto orgogliosi del modo in cui ci siamo dedicati completamente al gioco e abbiamo dato il nostro massimo impegno ogni giorno”, ha detto Bob Bryan della loro decisione di ritirarsi. “La nostra lealtà reciproca non è mai venuta meno e stiamo lasciando il tennis professionistico senza rimpianti. Mancheremo la competizione e il cameratismo tra i giocatori. Ci mancherà anche l’emozione di prepararci per una grande partita e giocare per il ruggito di gli ammiratori.”

“Riteniamo che sia il momento giusto per andarsene”, ha detto Mike Bryan. “Abbiamo dedicato più di 20 anni al Tour e ora non vediamo l’ora che arrivi il prossimo capitolo della nostra vita. Detto questo, ci sentiamo molto fortunati di aver potuto giocare il doppio per così tanto tempo. Lo siamo grati di aver avuto l’opportunità all’inizio dell’anno di giocare e salutare i fan. Vincere il nostro evento finale a Delray Beach e conquistare il pareggio di Coppa Davis a Honolulu sono momenti che ricorderemo e apprezzeremo per sempre “.

Andrea Gaudenzi, Presidente dell’ATP, ha dichiarato: “In qualità di squadra di doppio maschile di maggior successo di tutti i tempi, Bob e Mike hanno riscritto i libri dei record durante le loro fenomenali carriere. È difficile esprimere a parole quello che hanno portato al gioco, non solo in campo ma anche fuori. Come portabandiera del doppio maschile, sono stati un modello di coerenza ed eccellenza negli ultimi 20 anni, vincendo più partite, titoli e mantenendo più settimane al numero 1 di qualsiasi squadra nella storia. Estremamente popolari ovunque abbiano suonato in tutto il mondo, sono stati modelli di ruolo esemplari e hanno fatto di più per la promozione del doppio di quanto chiunque avrebbe potuto immaginare. A nome dell’ATP, vorrei ringraziarli per tutto ciò che hanno fatto per questo sport. Al Tour mancheranno moltissimo e auguriamo loro il meglio mentre si imbarcano nel prossimo capitolo della loro vita “.

I Bryans sono stati il punto di riferimento del del doppio maschile  per più di 17 anni, da quando sono saliti per la prima volta al numero 1 della FedEx ATP Doubles Rankings l’8 settembre 2003. Hanno trascorso 438 settimane totali e hanno concluso 10 stagioni come squadra numero 1 [2003 , 2005-07, 2009-2014]. Mike, che è diventato il numero 1 del doppio più vecchio all’età di 40 anni il 16 luglio 2018, ha anche trascorso la maggior parte delle settimane al vertice del gioco a squadre (506). Bob, che ha subito un intervento chirurgico all’anca nell’agosto 2018, ha trascorso un totale di 439 settimane al numero 1.

Portando la propria energia e il proprio carisma in campo, si sono fatti apprezzare dal pubblico di tutto il mondo e hanno contribuito in modo significativo a far crescere la popolarità dello sport, presentandosi in 178 finali a livello di tour (119-59) e sollevando trofei in 34 città diverse. Hanno anche aiutato gli Stati Uniti a vincere la Coppa Davis nel 2007 e alle Olimpiadi di Londra 2012 hanno vinto la medaglia d’oro, aggiungendosi alla medaglia di bronzo delle Olimpiadi di Pechino 2008.

I Bryan appendono quindi la racchetta al chiodo a 42, anni, con oltre 1100 vittorie, 119 titoli e una medaglia d’oro olimpica. La loro carriera di successo nei Major è iniziata a Roland Garros 2003, completando nel 2006 con Wimbledon il proprio career Grand Slam. Hanno alzato per ben 39 volte una coppa di un Masters 1000, diventando i primi giocatori in assoluto a conquistare il “Golden Masters” in carriera, nel 2014 grazie al trionfo a Shanghai.

Bob è stato operato all’anca destra il 2 agosto 2018, ma i fratelli Bryan si sono riuniti all’inizio della stagione 2019 e hanno continuato a vincere due titoli dell’ATP Tour. Hanno rivendicato la loro 1.100esima vittoria a squadre al Western & Southern Open di Cincinnati il ​​13 agosto 2019 e il 23 febbraio 2020 – in quello che si è rivelato essere il loro ultimo torneo – hanno conquistato la sesta corona al Delray Beach Open di VITACOST.com, segnando il 20 ° anno consecutivo, avevano sollevato un titolo ATP Tour. Finiscono le loro leggendarie carriere con un record complessivo di 1.108-359 squadre.

Sentiamo che è arrivato il momento giusto per smettere. Alla nostra età bisogna lavorare tanto per rimanere competitivi – ha detto Mike al New York Times – Giocare ci piace, preparare il nostro corpo meno. Lasciamo adesso che siamo ancora in grado di giocare un buon tennis”.

Dopo le parole al New York Times, i due hanno scritto un messaggio d’addio sui propri social. “Parecchi anni fa, due fratelli hanno lasciato casa iniziando la scalata di un’alta montagna. Supportati dai genitori e animati da una sconfinata passione, sono saliti insieme sulla montagna fino a un punto in cui i loro occhi hanno potuto scorgere l’orizzonte. Si sono trascinati l’un l’altro sulle strade più ripide, riparandosi a vicenda durante le tempeste. Se uno dei due si sentiva stanco, l’altro spingeva più forte. Se uno dei due aveva dei dubbi, l’altro lo invitava a non avere paura. Spesso sono scivolati e si sono fatti male, ma hanno sempre amato combattere contro la montagna. Dopo anni di scalata hanno raggiunto la vetta. La vista era bellissima, ma non si aspettavano di scorgere dal paesaggio vette ancora più alte. Il sentiero alla fine scomparve ma loro sono andati avanti, aprendosi il percorso e scoprendo posti che mai avrebbero immaginato esistessero. Non importava la direzione, erano insieme, perché il viaggio da soli per loro non sarebbe stato possibile. E quando il fisico non poteva portarli oltre, si sono voltati indietro guardando il mondo in cui avevano viaggiato. Hanno sorriso con orgoglio e sono tornati a casa spalla a spalla, con un legame più forte di prima”.

I fratelli Bryan non sono e non sono stati solo campioni in campo. La Bryan Brothers Foundation per aiutare i bambini disagiati e la musica, con i due fratelli, Bob al piano e Mike alla chitarra, che spesso si divertono ad esibirsi.

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »