Il coronavirus entra nel tennis: Indian Wells annullato a data da destinarsi

di Alessandro Perrone

 

L’ATP e WTA di tennis ha reso noto nelle scorse ore che il  torneo di Indian Wells, in California, e’ stato annullato a causa dei timori che circondano il  coronavirus, dopo la scoperta di persone infette nell’area della California. Questo torneo e’ il primo torneo di tennis internazionale che viene annullato a causa di questo virus.

In California, i funzionari della sanità avevano dichiarato un’emergenza di salute pubblica per il Coachella Valley, nel deserto a est di Los Angeles – dopo un caso confermato di COVID-19: “Siamo molto delusi dal fatto che il il torneo non avrà luogo, ma non ci sono i prsupposti per garantire la salute e la sicurezza dei locali, della comunità, dei tifosi, dei giocatori, dei volontari, degli sponsor, dei dipendenti, dei fornitori, e di tutti coloro che sono coinvolti con l’evento”, ha detto direttore del torneo Tommy Haas.«Siamo pronti a spostarlo in un’altra data ed esploreremo tutte le opzioni possibili»

Nei giorni precedenti, gli organizzatori avevano dato delle disposizioni e dei provvedimenti per evitare il contagio del virus come

  • disinfettanti per le mani  dislocati in tutto l’impianto;
  •  i giocatori dovranno gestirsi autonomamente il proprio asciugamano senza che i raccattapalle debbano toccarlo o spostarlo; ci sarà una sedia a fondocampo affinché i giocatori possano riporvi il proprio asciugamano;
  • i raccattapalle, gli addetti ai ristoranti e i volontari agli ingressi indosseranno guanti; mascherine N95 saranno a disposizione per tutto il personale di primo soccorso e pronto soccorso;
  • l’interazione organizzata tra giocatori e fans sarà limitata durante il torneo;
  • tutte le aree comuni saranno disinfettate giornalmente;
  • gli individui che presentano sintomi [di contagio] saranno testati in collaborazione con l’ospedale locale e il CDC (Center for Disease Control).Durante i giorni precedenti, gli organizzatori, sempre in contatto con i giocatori,  avevano detto hanno in programma di andare avanti con un supplemento di salute di misure come:
  • a mano, la sanificazione di stazioni, beefed-up protocolli di pulizia e guanti per
    palla per bambini, volontari e operatori alimentari.

Ma alla fine, per tutelare la salute pubblica delle migliaia di persone (Il torneo attira di più di 400 000 fans ogni anno a Indian Wells, a 27 chilometri a sud-est di Palm Springs) che avrebbero affollato la manifestazione e anche quella dei giocatorim hanno deciso di annullare la manifestazione.

“C’è un rischio troppo grande, in questo momento, per la salute pubblica della Contea di Riverside,  per tenere un grande raduno di queste dimensioni».”, ha detto il dottor David Agus, professore di medicina e ingegneria biomedica presso l’Università della California del Sud.

Lo sguardo è ora rivolto alla Florida e al torneo di Miami, in programma fra due settimane, ma più che mai minacciato dall’avanzata del coronavirus. Dopo Miami, dovrebbe prendere il via la stagione su terra battuta, con i tornei di Barcellona, Madrid, Montecarlo, Roma che culmina con il Roland Garros quale appuntamento principale. «È troppo presto per speculare a proposito dei tornei a venire – ha dichiarato il presidente Wta Steve Simon – La salute e la sicurezza passeranno sempre in primo piano».

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »