Stagione finita per Roger Federer: Ci vediamo nel 2021

di Alessandro Perrone e Elena Montin

10 giugno 2020, giornata iniziata come tutte le altre. In mattinata irrompe su twitter una notizia che nessuno si aspettava

Roger Federer si è sottoposto a una seconda operazione al ginocchio destro e, come annuncia lui stesso sui social, tornerà all’inizio del 2021. “Qualche settimana fa, ho avuto un piccolo contrattempo durante il mio percorso di riabilitazione – scrive Roger su Twitter –. Mi sono dovuto sottoporre a un nuovo rapido intervento in artroscopia al ginocchio destro. Adesso, proprio come ho fatto fino alla stagione 2017, ho in programma di prendermi il tempo necessario per tornare al 100% ed essere di nuovo pronto per giocare al mio livello massimo. Mi mancheranno i miei tifosi e il mio caro tour, ma non vedo l’ora di rivedervi all’inizio della stagione 2021“.

Stagione finita per l’elvetico: per rivederlo in campo, bisognerà quindi aspettare fino al 2021, anno in cui il campione svizzero arriverà al traguardo dei 40 anni (compirà 39 anni l’8 agosto)

In questa stagione, caratterizzata dallo stop a causa del Covid, ha partecipato a un solo torneo ufficiale: gli Australian Open lo scorso gennaio, chiudendo in semifinale.

Rivedremo le sue magie nel 2021, forse l’anno in cui dara’ tutto quello che ha per estasiare i suoi milioni di fans, vorra’ cercare di vincere il suo nono wimbledon, o magari uno degli altri SLAM. Ma soprattutto vorra’ giocare le olimpiadi (tutto dipendera’ ovviamente dalla classifica che avra’ in quel periodo) e provare a indossare la medaglia d’oro in singolare, uno dei pochi trofei che gli manca nel suo fantastico palmares (anche se vanta una medaglia d’oro di doppio nelle olimpiadi 2008 di Pechino in coppia con Stan Wawrinka, e una  medaglia d’argento a Londra 2012, sconfitto in finale dal giocatore di casa Andy Murray)

Curati, o re del tennis. Ci vedremo nel 2021.

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »