Trasferta americana amara per il numero 1

di Alessandro Perrone e Elena Montin

Trasferta amara quella americana per King Roger.

Certo non si poteva chiedere di replicare le strepitose vittorie dell’anno scorso a Miami e a Indian Wells, l’età anagrafica va avanti anche per lui, ma neanche che fosse sconfitto alla prima apparizione nel torneo della Florida.

Ma ricapitoliamo gli eventi che gli sono accaduti.

Nel torneo di Indian Wells sembra un treno inarrestabile, battendo, in sequenza DelBonis (62 46 75), Krajinovic (62 61), Chardy (75 64), Chung (61 63) e in semifinale Coric (26 64 76), prima di arrendersi in finale all’araba fenice del tennis, l’argentino Juan Martin Del Potro con il punteggio 64 67 76, con tre match point falliti.

L’argentino e’ stato l’unico che e’ riuscito a contrastare il talento dell’elvetico, che non perdeva da 17 incontri nel 2018.

Nel successivo torneo di Miami, secondo Masters 1000 stagionale, dotato di un montepremi di 7.972.535 dollari in corso sui campi in cemento di Key Biscayne, in Florida, il campione in carica Roger Federer, vincitore anche nel 2005 e 2006, è stato sconfitto al secondo turno (prima apparizione dello svizzero, che al primo turno ha beneficiato di un bye) per 3-6 6-3 7-6(4), in due ore e 21 minuti, dall’australiano Thnasi Kokkinakis, 21 anni, numero 175 Atp, proveniente dalle qualificazioni.

Questa sconfitta costerà a Federer il trono mondiale: da lunedì 2 aprile, infatti, lo spagnolo Rafael Nadal tornerà ad occupare la prima posizione scavalcando l’elvetico. “Chiudere l’anno al primo posto del ranking non era un obiettivo” ha detto a fine gara Federer confermando poi che salterà la stagione sulla terra rossa. Quindi niente Roma e niente Roland Garros. “Ne abbiamo discusso molto con il mio staff ed alla fine abbiamo avuto la stessa opinione: al momento è più facile concentrarsi su due superfici piuttosto che tre. Mi piacerebbe allungare la mia carriera il più possibile. La scorsa settimana non ho giocato molto bene ed a Miami non è cambiato nulla. Ora ho un po’ di tempo per capire come stanno le cose”.

Per rivedere Federer in campo, si dovra’ aspettare la stagione sull’erba!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *