Wimbledon 2018: che i giochi abbiano inizio!

di Alessandro Perrone e Elena Montin

Wimbledon 2018 e’ alle porte, Siamo al 30 di giugno, le qualificazioni sono terminate, e il tabellone generale del torneo sull’erba piu’ famoso del circuito ATP/WTA e’ stato generato.

Giocatori nel main-draw, Wild Card date dagli organizzatori, lucky looser, tutto e’ stato definito, e finalmente il torneo puo’ iniziare.

Da domani incominceranno le sfide, alcune epiche, altre meno, al cui culmine ci sara’ il vincitore dell’edizione 2018 del torneo “verde”: sara’ Federer,  Nadal o un altro giocatore meno “blasonato”? Lo scopriremo tra due settimane.

Wimbledon e’ un torneo bellissimo, noi mschettieri ci siamo stati decine di volte, e ogni volta siamo stati affascinati da questa immensa distesa di verde, che viene curato maniacalmente dai manutentori del circolo Tennis. Tradizione e modernità si fondono insieme, tecnologia e “abito bianco” fanno parte integrante del torneo.

Ma bando alle ciance, vediamo il Tabellone, che puo’ essere visto andando al seguente link.

Tabellone da 128 giocatori, con 32 teste di serie (senza bye), 104 giocatori direttamente nel Main-draw, 16 provenienti dalle qualificazioni, 8 wild card degli organizzatori.

Si tratta della 132esima edizione dei Championships, vinti per la prima volta nel 1877 dal britannico Spencer Gore (nel nostro blog c’e’ un articolo su Spencer Gore, scritto dal nostro amico e collaboratore Gonzalo Lopez Fabero)  e nell’ultima edizione da Roger Federer, che si è affermato per l’ottava volta sull’erba londinese nella edizione dell’anno scorso (ha sconfitto in finale il croato Cilic con il punteggio di 63 61 64)

Il campione svizzero  si presenta quest’anno da numero 2 del mondo ma gli organizzatori gli hanno accreditato la prima testa di serie.

Sono cinque gli italiani presenti direttamente in tabellone: Fognini (testa di serie numero 19), Cecchinato (29esimo favorito del seeding), Seppi, Lorenzi e Berrettini. A loro si aggiungono i due che hanno superato con successo le qualificazioni, Stefano Travaglia e Thomas Fabbiano. Grazie infine al ripescaggio di Lorenzo Sonego e Simone Bolelli come lucky loser, diventano nove le presenze azzurre nel main draw dei Championships. È record: erano state infatti al massimo sette nel 1963, 1972, 1991, 1994, 1996, 2006 e 2012.

Per il campione in carica Roger Federer debutto con il serbo Lajovic e possibile quarto con Anderson, anche se bisogna tenere che nel suo percorso ci sono giocatori in forma come  Borna Coric (fresco di vittoria in finale ad Halle contro il Re) e Sam Querrey. Nadal esordisce con Sela ed è nella parte bassa del tabellone con Murray e Djokovic.

Parliamo della truppa degli italiani? Partiamo dai piu’ “fortunati”: Sonego se la vedrà al primo turno contro lo statunitense Taylor Fritz, per Bolelli ostacolo Cuevas e possibile derby al secondo turno con Fognini. Turni non proibitivi per i nostri lucky looser, ma l’erba e’ una superfice molto imprevedibile. Per quanto riguarda gli altri azzurri:  Berrettini-Sock (18esima testa di serie), Fognini-Daniel, Lorenzi-Djere, Seppi-Smith, Cecchinato-De Minaur, Fabbiano-Bhambri, Travaglia-Millman.

Wimbledon non e’ solo uomini, e purtroppo nel torneo femminile non abbiamo i record del maschile, c’è soltanto un’azzurra al via, si tratta della Camila Giorgi, numero 56 del ranking WTA che se la vedra’ con la lettone Anastasija Sevastova, numero 21 del ranking mondiale e accreditata della 21esima testa di serie.

Aspettiamo il verdetto del campo.

 

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *