Alcaraz fa scala reale massima agli Us Open: Titolo e numero 1 ranking

di Alessandro Perrone

Notte di grande tennis che passera’ alla storia: Carlos Alcaraz ha battuto Casper Ruud in quattro set  (6-4 2-6 7-6  6-3) vincendo la 142ª edizione dello US Open. in un centrale di USTA Billie Jean King National Tennis Center a  Flushing Meadows, nella terra newyorchese.

A 19 anni, 4 mesi il giocatore iberico  conquista il suo primo major agli Us Open (in questo caso non è il più giovane perché Pete Sampras ci riuscì nel 1990 quando aveva 19 anni e 28 giorni), ma non solo, ha conquistato la vetta del tennis mondiale (Ruud al secondo) cancellando il record dell’australiano Lleyton Hewitt che raggiunse il medesimo traguardo nel il 19 novembre 2001 quando aveva 20 anni, 8 mesi e 23 giorni.

E’ la consacrazione della giovanissima stella spagnola, alla sua nona partecipazione a un torneo del Grande Slam,  Rafa aveva fatto il suo primo centro al sesto tentativo Slam; Djokovic aveva dovuto aspettare il dodicesimo.

Da parte sua lo sconfitto, Casper Rudd, non ha comunque demeritato: anzi. Ha avuto le sue chance, due set point nel terzo set che potevano far svoltare il match in un’altra direzione, dopo che aveva riequilibrato la partita nel secondo. La sua marcia nel torneo, la seconda finale Slam stagionale giustificano appieno la sua seconda posizione mondiale.

L’exploit americano porterà nelle tasche di Alcaraz un assegno da 2 milioni e 600mila dollari insieme alla coppa ricevuta dalle mani di John McEnroe. “Ho sognato di vincere uno Slam e di diventare n.1 al mondo da quando ero bambino. Ho lavorato tanto e mi hanno aiutato tanto il mio team e i miei genitori – ha detto Alcaraz poco dopo il suo trionfo scoppiando in lacrime – Alla fine ho pensato a mia mamma e mio nonno che non hanno potuto essere qui a vedere la partita. In tanti sono venuti anche dalla Spagna per fare il tifo per me. Il pubblico che ho trovato a New York mi ha sempre aiutato: è quello con cui mi sono sempre sentito più in sintonia”.

Ora e’ tempo di coppa Davis per il nuovo numero 1…..

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »