Mondo ATP: settimana numero 8

di Alessandro Perrone

La settimana e’ stata caratterizzata da 3 tornei:

  • ATP 500 Dubai Duty Free Tennis Championships a Dubai
  • ATP 500 Abierto Mexicano Telcel presentado por HSBC ad Acapulco
  • ATP 250 Chile Dove Men+Care Open a Santiago del Cile

 

Dubai Duty Free Tennis Championships

Andrey Rublev (n.7 del ranking) è il trionfatore dell’ATP500 di Dubai. Sul cemento degli Emirati Arabi il russo ha completato il proprio percorso alla grande, battendo per 6-3 6-4 la sorpresa assoluta di questo torneo, il ceco Jiri Vesely (n.123 del mondo), capace di battere nei quarti di finale l’ormai ex n.1 del mondo (n.2 dalla prossima settimana) Novak Djokovic e in semifinale Denis Shapolavov.

Un risultato, inoltre, che proietta Rublev al n.6 del ranking ATP, scavalcando l’azzurro Matteo Berrettini. Si tratta del 10° titolo nel massimo circuito internazionale per lui e il secondo a stretto giro dopo il successo a Marsiglia (terzo, se si considera il titolo di doppio di Marsiglia)

La vittoria in 80 minuti ha portato a 13 partite vinte di fila per Rublev in singolo e doppio.

Rublev è stato felice di concludere un mese impegnativo con un altro titolo. “Mi sento super felice anche se sono stanco”, ha detto alla presentazione del trofeo. “Oggi sono stato fortunato, ed è per questo che sono felice di essere il campione”.

Nella competizione di doppio i vincitori sono Tim Puetz e Michael Venus, quarta testa di serie, che hanno sconfitto la prima testa di serie  Nikola Mektic e Mate Pavic, con il punteggio di 6-3 6-7 16-14 annullando ben tre match point nel super tie break.

“E’ stata una bella settimana, davvero speciale”, ha detto Puetz alla presentazione del trofeo. “Congratulazioni a Mate e Nikola, una grande settimana, una grande partita oggi. Ho pensato che fosse di qualità piuttosto alta. Tutti meritavano di vincere, mi dispiace che alla fine siamo dovuti essere noi”.

Puetz e Venus si erano ripresi dopo aver perso il primo set in tutte e tre le partite sulla strada per la finale, ma hanno convertito l’unico break point dell’apertura per prendere il controllo all’inizio della partita di campionato.

 

 

Abierto Mexicano Telcel presentado por HSBC

Acapulco ha un nuovo re: e’ il “vecchietto” Rafa Nadal che si impone con un doppio 6-4 sulla testa di serie numero 6 del torneo,  Cameron Norrie e si aggiudica il terzo torneo stagionale su tre disputati dopo il 250 di Melbourne e l’Australian Open. Per lo spagnolo si parla di 15 incontri su 15 vinti e si tratta del trofeo numero 91 in carriera,  su 128 finali diputate, il 25esimo titolo sul veloce, dopo aver battuto in semifinale il nuovo numero 1 del mondo Daniil Medvedev.

Le statistiche indicano come Nadal vinca 10 punti in più dell’avversario (63 contro 53) e, soprattutto, abbia una resa migliore con la prima in campo (71% contro 60%). Entrambi i tennisti concedono 5 palle break, ma Nadal ne cancella tre, mentre Norrie ne salva una soltanto.

 Lo spagnolo con il quarto successo ad Acapulco, aggancia nell’albo d’oro del torneo Thomas Muster e David Ferrer, confermando lo stato di grazia in questo inizio di 2022.  Da lunedì scavalcherà Tsitsipas alla quarta posizione mondiale.

A fine match queste le sue parole: “Nel corso della mia carriera da professionista ci sono molti tornei che hanno lasciato un segno importante, ho ricordi incredibili di questo posto.Ho ottenuto ottimi risultati qui, ho vinto quattro volte e confido che sia un luogo dove le persone hanno un bel ricordo di me, quando non potrà più giocare a tennis. Quando questo sogno sarà finito, porterò Acapulco nel mio cuore”.

E poi: “È stata una lunga carriera, quando sono arrivato per la prima volta tutto era nuovo per me e forse i successi sono più apprezzati ora rispetto a quando avevi 18 anni. È incredibile poter vincere un torneo come questo ancora a 35”.

Un torneo, quello di Acapulco, che e’ caratterizzato dall’espulsione dal torneo del tedesco Zverev per aver preso a racchettate il seggiolone dell’arbitro, a causa, secondo lui, di una decisione arbitrale non giusta: succesivamente il tedesco si e’ scusato del suo comportamento.

Nella competizione di doppio, il greco Tsisipas, in coppia con l’ex numero 9 del mondo di doppio Feliciano Lopez ,  ha ottenuto una vittoria per 7-5, 6-4 sulla quarta testa di Marcelo Arevalo e Jean-Julien Rojer.

Tsitsipas ha dichiarato: “Mi darà fiducia per vincere questo titolo qui ad Acapulco. Ci siamo divertiti molto con Feliciano che ha suonato davanti a molti fan messicani questa settimana. Abbiamo in programma di collaborare di nuovo in futuro”.

Lopez ha dichiarato: “È stato alla Laver Cup che abbiamo parlato di giocare insieme del doppio. Abbiamo fatto bene a Vienna perdendo contro i colombiani e qui abbiamo vinto il nostro primo titolo insieme. Adoro suonare in Messico”.

 

Chile Dove Men+Care Open

Gli spagnoli festeggiano questa settimana non solo con Nadal. Pedro Martinez , infatti,  si è imposto nella Finale del Chile Dove Men+Care Open di Santiago del Cile, sconfiggendo l’argentino Sebastián Báez (n.62 ATP) 4-6 6-4 6-4 e quasi tre ore di gioco.

Il 24enne spagnolo ha perso il primo set contro l’aegentin Sebastian Baez, per poi riprendere le redini dell’incotro e vincere il suo primo titolo ATP. Martinez, quarta testa di serie, nel torneo aveva sconfitto Jaume Munar , Yannick Hanfmann e il favorito locale Alejandro Tabilo prima di arrivare alla finale contro l’argentino.

Prima della sua settimana da sogno a Santiago, la quarta testa di serie non era andata oltre il secondo round di un torneo di questa stagione. Tuttavia, ha ribaltato il risultato in Cile per diventare il campione più anziano nei brevi tre anni di storia del torneo.

La vittoria spinge Martinez al numero 50 in carriera nella classifica ATP.

La competizione di doppio ha visto la vittoria della coppia Rafael Matos e Felipe Meligeni Rodrigues Alves in due tiratissimi due tie-break contro Andre Goransson e Nathaniel Lammons col il punteggio di 7-6(8), 7-6(3) in un’ora e 52 minuti.

Per i vincitori e’ il secondo titolo di doppio.

Dopo aver vinto il titolo, Matos ha riconosciuto che una buona relazione fuori dal campo stava aiutando la prestazione in campo della coppia. “E’ stata una settimana molto buona – ha detto – Sono molto contento di questo secondo titolo giocato con Felipe, è un mio caro amico, mi diverto sempre a giocare con lui e anche il tempo fuori dal campo. Sono solo felice.”

Matos e Meligeni Rodrigues Alves avevano vinto solo una partita nei tornei di Cordoba, Buenos Aires e Rio de Janeiro, ma hanno trovato la loro forma a Santiago per alzare il loro primo trofeo dal loro sensazionale titolo al debutto a livello di tournée a Cordoba nel 2021.

 

 

0Shares

Un pensiero su “Mondo ATP: settimana numero 8

  • 2 Marzo 2022 in 12:57
    Permalink

    Un Rublev solidissimo in una settimana resa estremamente difficile anche da fattori esterni. Ha sorpreso un Vesily così in stato di grazia.
    Nadal semplicemente imperiale. Ha battezzato la leadership in classifica di Medvedev con una vittoria magistrale a suo discapito. Post Fab Four da non consacrare assolutamente, tra un mese riparte il vero circuito sulla terra rossa e………?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »