Recensione Libro “Vagabondo per Mestiere” di Massimo D’adamo

Vagabondo per Mestiere: Avventure di un coach alla ricerca del Sacro Tennis

Di Massimo D’adamo

Chi è il coach? Basket, Calcio, Rugby e ogni altro sport, guardano a questo ruolo come a un crocevia obbligato verso la ricerca del successo di una squadra o di un singolo atleta. Da molti anni, anche il tennis si è tenacemente appropriato dei suoi servigi, delegandolo a mentore di atleti di buon livello. Una figura che a detta di molti fa il buono e il cattivo tempo nella crescita dei giocatori, spesso mitizzata altre volte bistrattata e comunque legata alla realtà dei nudi risultati. Restano numerose però le domande sul suo operato! È una figura realmente utile o è solo una moda? Il grande giocatore è anche un grande coach? È un insegnante in grado di dare le dritte giuste o è più un factotum? E soprattutto: è il coach a fare il giocatore o il giocatore a fare il coach? Scritto con spigliata ironia e con grande conoscenza del mestiere il libro di Massimo D’Adamo offre risposte, mettendo a nudo il rapporto fra coach e i giocatori, i genitori e il sistema tennis nel suo insieme. Ma getta anche un occhio oltre il campo per carpire le sue curiosità di uomo, quelle che si accendono verso persone e fatti nei quali si imbatte nel suo “vagabondare per mestiere”. Ne segue le tracce in un via vai che non concede soste, alla continua scoperta degli altri e di se stesso, comunque attratto dai segreti grandi e piccoli che possano condurlo al cospetto del Sacro Tennis!

Il Libro e’ stato presentato a Cervarese Santa Croce il 5 marzo, davanti a una platea molto

interessata e qualificata. Di seguito una foto dell’Autore e degli organizzatori della Manifestazione

0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »