Seppi non si inchina davanti a sua “altezza” Karlovic: l’avventura australiana continua

di Alessandro Perrone

La sorpresa felice italiana della giornata e’ stata la vittoria dell’altoatesino che vola agli ottavi di finale del primo grande Slam della stagione, al termine di una maratona di 5 set in quasi 4 ore contro il gigante croato Karlovic.

Un match infinito che si è chiuso al quinto set dopo un tira e molla fra i due rivali, da un game all’altro, che ha entusiasmato il pubblico. Partita decisa da due break a favore del giocatore italiano, e giochi decisi solamente dai servizi dei due contendenti. L’italiano ha tenuto duro, in una gara giocata anche sul filo dei nervi e alla fine ha prevalso con il punteggio di 6-3 7-6 6-7 6-7 9-7 .

Nella foto la statistica del Match

Partita dominata dal servizio di Karlovic con il 71% di prime (con velocita’ variabile tra i 184 e i 219 Km/h) e con i punti vincenti (93), mentre Andy ha risposto con “soli” 23 aces e 82 punti vincenti.

Games molto veloci, dove il servizio e il dritto di karlovic ha fatto da padrone,  64 games (contando il tie break come un game, anche se non sarebbe giusto) in 231 minuti di gioco, il che significa che “in media” un game, compreso anche il tempo di cambio campo, e’ durato circa 3 minuti e mezzo.

Continuando a parlare di numeri

  •  53 aces in 32 turni di battuta per Karlovic (contando il tie break come un game, anche se non sarebbe giusto) e’ come partire con il proprio turno di servizio con un punteggio di “quasi” 30-0, mentre iniziare con un handicap di 30-0 per chi deve rispondere
  • 93 punti vincenti per i croato in 64 turni di battuta significa un altro punto e mezzo a game, ma 42 errori non forzati
  • 23 aces per Andreas e 24 errori non forzati.

La chiave di volta del Match e’ sicuramente il dato dei 24 errori non forzati di Andreas contro i 42 del croato.

Sembrava vedere giocare Davide contro Golia, e alla fine il risultato è stato lo stesso: Davide-Seppi ha battuto Golia-Karlovic.

E’ la quarta volta che Andreas Seppi arriva agli ottavi agli Australian Open dopo quelli del 2013, 2015 e 2016.

In carriera ha raggiunto gli ottavi anche a Wimbledon e a Rolland Garros. Ma l’Australia sembra volergli bene e portargli fortuna.

Il 33enne altoatesino, attualmente numero 76 del ranking mondiale (ma che sicuramente dopo questi risultati dovrebbe salire di molte posizioni), ha cominciato bene questo 2018. E’ fresco vincitore nel challenger di Canberra, e a Melbourne ha cominciato nel modo migliore, battendo prima il francese Moutet e poi il giapponese Nishioka, e adesso il croato Karlovic. Agli ottavi il tennista altoatesino dovrà affrontare il britannico Kyle Edmund. Avversario ostico, numero 43 delle classifiche ATP. Sara’ una partita tirata, ma questo Seppi può sicuramente giocarsela.

Battere un giocatore come karlovic non è una cosa da poco, è pur sempre un giocatore che e’ stato numero 14 del ranking (anche se nel 2008), e questo dovrebbe dare piu’ carica e fiducia al nostro giocatore per il prossimo turno e per il prosieguo della stagione

Domenica mattina avremo il verdetto, e speriamo che sia a nostro favore.

7Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »